UN PELLEGRINAGGIO DI PREGHIERA IN TERRA SANTA

Siamo lieti di annunciare un pellegrinaggio speciale firmato Fondazione Ambrosianeum e GeaWay Tour Operator:

UN PELLEGRINAGGIO DI PREGHIERA IN TERRA SANTA

A GERUSALEMME PER INVOCARE LA PACE

Dal 18 al 21 Marzo 2024

La guerra in corso in Medio Oriente non può lasciarci indifferenti e chiede un coinvolgimento che vada oltre l’auspicio che presto possano aprirsi strade per la pace. Da qui l’idea di andare in Terra Santa «per una preghiera di intercessione e di pace», come segno del non volersi arrendere all’inevitabilità della violenza. Niente potrà essere come prima dopo le orrende violenze di Hamas del 7 ottobre e la spropositata reazione dell’esercito di Netanyahu, i 23 mila morti a Gaza e quelli in Cisgiordania, le vittime e i patimenti di ostaggi e famiglie. Nonostante questo, a Gerusalemme sinagoghe, chiese, moschee, strade e mura sono luoghi di preghiera, pietre vive di speranza contro ogni speranza, semi di vita, spinte a rialzarsi da tensioni secolari. Pregare a Gerusalemme è riconoscersi fragili ma non impotenti, limitati ma non predestinati al buio, bisognosi di cambiare a partire da sé.

A partire da queste riflessioni, la Fondazione Culturale Ambrosianeum e Geaway Tour Operator promuovono un Pellegrinaggio di solidarietà a Gerusalemme dal 18 al 21 marzo.

Quattro giorni e tre notti dedicati a momenti di preghiera e riflessione in luoghi significativi della Città Santa, intervallati da incontri con personalità coinvolte in prima linea nel dialogo per la pace. Non mancheranno spazi per la preghiera e meditazione personale ma, come disse Carlo Maria Martini “Intercedere non vuol dire semplicemente ‘pregare per qualcuno’, come spesso pensiamo. Letteralmente significa ‘fare un passo in mezzo’, fare un passo in modo da mettersi nel mezzo di una situazione. Intercessione vuol dire allora mettersi là dove il conflitto ha luogo, mettersi tra le due parti in

conflitto. Non si tratta quindi solo di articolare un bisogno davanti a Dio (Signore, dacci la pace!) stando al riparo. Si tratta di mettersi in mezzo”.

Per questo motivo, soprattutto in questo tempo drammatico, è importante promuovere un pellegrinaggio in Terra Santa; mentre spirano venti cupi di guerra è necessario non arrendersi alla violenza del terrorismo e del conflitto.

Tutte le informazioni dettagliate nel piano di viaggio riportato.

Per informazioni e prenotazioni – entro il 31 Gennaio: https://geaway.it/prodotto/israele-18-21-marzo-2024 oppure chiamando il 039/6894440

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *