Ciclo di Incontri:

GODCITY

Nell'ambito di BOKCTY Ambrosianeum e Fondazione per le Scienze Religiose 'Giovanni XXIII' prentano GODCITY: manfestazione che attraverso la presentazione di alcuni volumi affronterà questioni aperte e temi religiosi di grande attualità, gettando nuova luce su argomenti, personaggi e interrelazioni con altre fedi.

Si comincia con due argomenti conciliari: «Festeggiamo l'anniversario del concilio, ne facciamo un monumento, ma ci preoccupiamo soprattutto che non dia fastidio. [...] Ci sono voci che vogliono andare in dietro rispetto al concilio. Questo si chiama essere testardi, questo si chiama diventare stolti e lenti di cuore» (Papa Francesco omelia del 16 aprile 2013). Il modo migliore per capire ciò che è stato il Vaticano II per la vita della Chiesa e per il mondo contemporaneo è studiarlo nella sua totalità e nelle sue sfumature, familiarizzando con i protagonisti, con i dibattiti in aula e fuori dall'aula di San Pietro, con i compromessi e gli scontri che avvennero. La presentazione di questi due libri è l'occasione per comprendere e fare luce su due attori fondamentali della vicenda conciliare: oltre ai vescovi, infatti, le uditrici donne (per la prima volta nella storia della chiesa) e gli osservatori non cattolici giocarono un ruolo non secondario in concilio e fuori dal concilio, sia perché rappresentarono i primi tentativi di riflettere su temi importanti anche per la vita delle donne, sia perché l'esperienza degli osservatori produsse una svolta nella storia dei rapporti ecumenici, inaugurando infatti la stagione del dialogo tra il cattolicesimo e le altre chiese.

Si prosegue con la presentazione della cosiddetta «Terza ricerca» del Gesù storico il cui inizio coincide con la pubblicazione del volume di E.P. Sanders, Gesù e il giudaismo, del 1985. Tre sono gli elementi caratterizzanti il paradigma della Terza ricerca: l'ebraicità di Gesù, l'utilizzo delle fonti extra canoniche e il ricorso alla sociologia. Si affronteranno le opere più significative: l'opera di J.P. Meier, Il Gesù marginale e di cui si attende il quinto volume. Poi l'opera di J.D.G. Dunn, Il Gesù ricordato che affronta teoricamente il nesso fra la memoria di un gruppo e la propria identità. Infine qualche cenno merita il volume di D. Boyarin, Border Lines oggi al centro del dibattito per la nuova e geniale lettura dell'origine del giudaismo e del cristianesimo: non genitore e figlio ma due gemelli!

Verranno svolte alcune considerazioni sull'evoluzione della "coscienza di sé" nel Gesù storico, alla luce delle narrazioni evangeliche. Inoltre, prendendo lo spunto da due testi ormai classici di Hanna Wolff, Gesù psicoterapeuta e Gesù, la maschilità esemplare, si cercherà di riflettere sulla plausibilità di un parallelismo tra la "guarigione fisica", ripetutamente proposta nei racconti dei Sinottici e di Giovanni, e la "guarigione psicologica" che il soggetto può cercare attraverso la imitatio (o la sequela) Christi.

Infine, il ciclo di incontri si conclude con la presentazione della recente traduzione di Luigi Cattani del Commento al Levitico di Rashi. il volume rende finalmente disponibile in italiano (per i tipi di Marietti) l'intera serie del Pentateuco.